LA STORIA DI AREZZO IN TOSCANA LIBERO COMUNE   AREZZO IN TOSCANA STORIA IL LIBERO COMUNE
Homepage | English | Villa | Arezzo| E-mail | Link utili | ScambioLink |

  INFORMAZIONI

 Abitazione

 Immagini

 Dove


  AREZZO

 Arezzo Storia

 Arezzo il Libero Comune

 Arezzo I Tarlati

 Arezzo Il Granducato

 Arezzo Unit d'italia

 Arezzo Uomini Illustri

 Arezzo la Citt



  Contatti

 

 Informazioni

 

  Arezzo storia

 

Storia di Arezzo in Toscana  - Il Libero Comune di Arezzo

Cardine ed emblema della ripresa la nascita del libero Comune, che estende rapidamente il suo dominio nel contado, erodendo gli ampi poteri signorili delle autorit ecclesiastiche. La presenza di un console attestata ad Arezzo fin dal l098. Attorno al 1200 lo sviluppo urbano induce alla costruzione di una nuova cerchia di mura, che sul lato nord-est si riconnette a quella etrusco-romana, mentre sui versanti sud ed ovest abbraccia a semicerchio la base della collina con un tracciato ancora visibile nel percorso di via Garibaldi. Il perimetro della cinta raggiunge i 2.600 m. e racchiude unarea di ca. 51 ettari ; la radiale principale diviene il borgo maestro. Nel corso del Duecento sorgono nella parte pi alta della collina numerosi edifici pubblici e case-torri; viene portata a termine la costruzione della prima grande basilica della citt comunale, la Pieve di S. Maria, splendido esempio di architettura romanica. Alla fine del secolo, sotto linflusso del nuovo stile gotico che va affermandosi, inizia la costruzione della Cattedrale, evento che segue il forzato ritorno della sede vescovile allinterno delle mura (1203), e delle chiese di due importanti ordini monastici predicatori: S. Francesco e S. Domenico. La vita cittadina regolata dal Comune, retto in prevalenza dalla parte ghibellina, che estende il proprio dominio su un vasto territorio (da Borgo S.Sepolcro alla Massa Trabaria, dal medio Valdarno alla Valdambra, dal Casentino alla Valdichiana) rendendosi protagonista della sanguinosa presa di Cortona(1258) e scontrandosi con alterna fortuna con i grandi Comuni vicini (Siena, Firenze, Perugia, Citt di Castello).A seguito della calata in Italia di Manfredi di Svevia, Arezzo appoggia apertamente limperatore, unisce il proprio esercito a quello imperiale e a Montaperti sconfigge larmata guelfa di Firenze. Dopo la sconfitta dellesercito imperiale a Benevento e la decapitazione di Manfredi, Arezzo rimane lultimo baluardo ghibellino di una certa importanza. Per questo motivo il papato finanzia la guelfa Firenze che, grazie ad un contingente mercenario di cavalieri francesi, sconfigger a Campaldino (1289)lesercito. La disfatta subita dai ghibellini a Campaldino, dove muore lo stesso vescovo di Arezzo Guglielmino Ubertini, mette Firenze e Siena in possesso di larghe porzioni di territorio aretino. Il risveglio culturale annovera l apertura dello Studium - i cui ordinamenti del 1255 regolano una delle pi antiche Universit medioevali - il fiorire delle Arti liberali e lattivit di rimatori (Guittone, 1235 ca.-1294) ed artisti locali (Margaritone dArezzo,1236 ca.-1293 ca.), seguiti da maestri fiorentini (Cimabue, Crocifisso in S.Domenico) e senesi   ( Pietro Lorenzetti, polittico della Pieve). Nel 1304 Arezzo d i natali a Francesco Petrarca.


  

 

  .:Links:.

 

 

 


  

 

 

 


  

 

 

 


  .:Credits:.

  Wikipedia
Arezzo

 



 Villa in vendita - Ville ad Arezzo in vendita  in Toscana